Perché dovrei leggere questo post?

febbraio 11, 2014 - 3 minutes read

Gentlemans

E’ la domanda cruciale che ci facciamo ogni volta che arriviamo su un blog. E la risposta non è mai scontata. Qualcuno ci chiede di impegnare 10 minuti del nostro tempo per dargli ascolto. Come fa a convincerci? Offrendoci contenuti di qualità, si sente ripetere sempre, come un mantra. Già, ma cosa definisce la qualità in un post?

CONTENUTI DI QUALITA’

Prima di parlare dei contenuti, è meglio dire qualcosa sullo stile.

Conoscere e applicare le regole “per scrivere un buon post” è importante, ma non basta. Una narrazione per essere coinvolgente deve avere uno stile riconoscibile, una nota personale.

A parità di contenuto informativo, la differenza la fa l’efficacia della narrazione.

Detto questo, non solo lo stile, ma anche le informazioni devono essere originali: si capisce al volo quando un post non nasce a caso, ma è frutto di una ricerca e di un lavoro personale.

CONTENUTI UTILI

I contenuti di qualità sono tali se risultano utili. Utili per chi? Per i lettori, ovvero per il target specifico a cui il blog si rivolge. E se poi il blog è pensato per un’utenza professionale, si tratta non tanto di fornire opinioni, quanto informazioni con precise caratteristiche, ovvero:

  • Informazioni che arrivano da un’esperienza diretta e credibile dell’autore.
  • Informazioni chiare e concrete, utilizzabili subito dal lettore.
  • Informazioni che rispondono a un’esigenza e offrono una soluzione a un problema preciso.
  • Informazioni che trasmettono un know-how: al termine della lettura so come fare a risolvere (o iniziare a risolvere) quello specifico problema.
  • Informazioni corredate da link che consentono di andare alle fonti e approfondire l’argomento trattato.

QUALITA’ + UTILITA’ = CONTENUTI DI VALORE

E’ ovvio che il massimo lo si raggiunge unendo qualità e utilità: è questo che genera contenuti di valore. Il valore, però, deve rispondere a un parametro oggettivo, cioè deve coincidere con i risultati: un gran numero di visualizzazioni, condivisioni e commenti sono la conferma inequivocabile che il post ha colto nel segno.

Questo ci ricorda un altro principio fondamentale, espresso molto bene da Alessio Sarnelli:

A volte capita di vedere contenuti preziosi, di qualità eccelsa, diffusi sui canali sbagliati, oppure nei momenti sbagliati o, peggio ancora, ai destinatari sbagliati. Le forme e i tempi di rilascio contano quanto il contenuto stesso.

Avete trovato utile questo post? Potete approfondire il discorso leggendo gli articoli che mi hanno ispirato:

Qualche riflessione sui contenuti virali

Meglio scrivere contenuti di qualità o contenuti utili?

Perché i contenuti di qualità sono “inutili”?

I 10 comandamenti del content marketing per storyteller

Se non vi basta ancora, leggete questo mio post recente…

Cosa fa scattare la condivisione

… e scrivetemi qui i vostri commenti 🙂

(Illustrazione tratta dall’archivio della British Library)

Tags: , , , , , ,