Cosa fa scattare la condivisione

Quali sono le regole che funzionano per far girare sul web i contenuti che pubblichiamo? In un recente post Giuseppe Granieri segnala una infografica molto interessante che prova a rispondere a questa domanda. Vale la pena di dare un’occhiata perché ci sono parecchie indicazioni e spunti importanti.

Ecco i 5 fattori che aiutano la diffusione virale dei contenuti (fonte negosentro.com, qui l’articolo originale):

  1. RARITA’
    I contenuti originali e di valore non si consumano in fretta. La paura di poter perdere informazioni che non si trovano altrove è un “gancio” eccellente per far interessare la gente a quello che pubblicate.
  2. SELEZIONE
    Chi naviga sul web ama raccogliere “assaggi” di informazioni per assicurarsi che il contenuto sia facile da selezionare. “Mediamente gli utenti consultano circa il 20% del contenuto di una pagina web” (Jacob Nielsen).
  3. UTILITÀ
    I post che segnalano informazioni concrete, utilizzabili subito dai lettori, trainano la diffusione virale dei contenuti.
  4. COERENZA
    I contenuti di valore, postati in modo regolare, contribuiscono a costruire fiducia e autorevolezza. Quando i lettori si fidano di voi, le cose che pubblicate diventano più facili da condividere.
  5. PULSANTI
    Inserite sempre, prima e dopo ogni post, i “pulsanti di condivisione”: sottovalutarli fa male alla viralità di quello che pubblicate.

Contenuti originali e di immediata utilità pratica, postati con regolarità, impaginati in modo da poter estrarre le informazioni più interessanti e con i pulsanti di condivisioni subito a portata di clic: ecco la “formula magica” della viralità.

ALTRE COSE DA TENERE D’OCCHIO

A questi primi 5 punti penso se ne possano aggiungere altri. Ho notato che i miei post con il maggior numero di condivisioni (e, quindi, di visualizzazioni) hanno alcuni elementi in comune, e precisamente:

  • Titolo che incuriosisce
  • Immagine che attira l’attenzione
  • Scelta azzeccata e tempestiva dell’argomento
  • Prime righe coinvolgenti
  • Possibilità immediata di approfondire il tema trattato
  • Capacità di instaurare una relazione con il lettore

La cosa va vista anche a rovescio: quando un post è andato peggio del solito, mi sono accorto che era carente in uno o più aspetti tra quelli che ho appena segnalato.

Qual è invece la vostra esperienza? Ci sono punti che non vi trovano d’accordo o altri che vi sentite di aggiungere? Parliamone insieme.

(Foto di Daniele Portanome)

Ti consiglio di leggere anche…

Contenuti efficaci fanno la differenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su