Un modello di business per i freelance

Da 20 anni faccio il freelance. E da 20 anni mi sento rivolgere sempre la stessa domanda: si guadagna abbastanza da viverci?

Una domanda non banale, che merita una risposta precisa. Provo quindi a spiegare quale può essere una direzione che vale la pena di seguire.

LE 4 GAMBE DEL TAVOLO

Finora la formula che ho trovato più efficace è quella che definisco “le 4 gambe del tavolo”. E’ un modello di business molto semplice e funziona così:

  • 1 cliente continuativo, che garantisce in un anno circa il 30% del fatturato.
  • 2 clienti continuativi che, sommati, portano circa il 35% del fatturato.
  • 1 gruppo di clienti occasionali (ogni anno il turnover legato alla tipologia “mordi e fuggi” è molto alto) che tutti assieme danno il restante 35% del fatturato.

La proporzione non cambia se la voce “cliente” diventa “attività”: ogni freelance ha di solito un’attività principale (30% del fatturato), un paio di attività “secondarie” (che assieme dovrebbero valere il 35%) e una serie di piccole attività spot che portano il resto del giro d’affari.

UN BENCHMARK DA TENERE D’OCCHIO

Una precisazione importante: il modello sopra descritto è ovviamente il punto di arrivo e non il punto di partenza. Credo però che possa essere un benchmark molto utile per monitorare la propria attività.

Per esempio, se manca il cliente importante e continuativo, bisogna essere consapevoli che aumenta il livello di frammentazione e precarietà del business, con una conseguente dispersione di energie nella gestione di troppi fronti aperti.

Stesso discorso per le “gambe” 2 e 3: una carenza in questo senso segnala la necessità di far crescere un paio di clienti (o attività) che al momento sono ancora minori o marginali.

Anche l’ultimo punto è molto interessante, perché quando si hanno 3 buoni clienti continuativi è umano che possa subentrare una qualche forma di rilassamento/appagamento.

Invece non bisogna sottovalutare il continuo movimento di lavori spot che caratterizza l’attività del freelance: sommando tutto, ci si rende conto che il peso di questa voce variabile è in realtà molto rilevante.

I CLIENTI SCELGONO NOI, NOI SCEGLIAMO I NOSTRI CLIENTI

C’è un altro principio fondamentale da ricordare: è di vitale importanza riuscire a trovare i clienti, ma è altrettanto importante saperli scegliere.

Non si tratta di arroganza, ma di necessità: le energie e gli sforzi vanno indirizzati verso le opportunità che possono ragionevolmente portare continuità economica e crescita professionale.

Per un freelance la qualità delle relazioni è fondamentale. Perché le cose funzionino è necessaria una buona sintonia tra le parti, fiducia reciproca e collaborazione, tutte condizioni che si costruiscono nel tempo. Quindi si deve decidere su quali clienti vale davvero la pena di investire.

Il tema è ovviamente molto vasto e complesso, e non si può certo esaurire in un singolo post. Adesso mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi.

Qual è la vostra esperienza di freelance (o di cliente)? Avete sviluppato un vostro modello di business o siete ancora alla ricerca di una prospettiva che vi convinca? Parliamone assieme.

(Illustrazione tratta dall’archivio della British Library)

Contenuti efficaci fanno la differenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su